Comunicazioni via Pec: restano i costi di cancelleria

LA DOMANDA Sono proprietario di un appartamento. L’amministratore del condominio ha acconsentito in seduta assembleare, dopo anni di richieste, a inviarmi tutte le comunicazioni via Pec. Tuttavia, mi addebiterà lo stesso costo del invio cartaceo «perché la segretaria deve andare comunque in posta per inviare la corrispondenza a tutti gli altri condòmini, quindi il costo lavorativo deve essere ripartito tra tutti». Mi ha chiesto anche 500 euro per inviarmi tutti i verbali delle assemblee degli anni precedenti, in totale circa 12. È corretto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?