Chi edifica per primo impone la distanza minima al vicino

LA DOMANDA Mio suocero ha un terreno divenuto edificabile. Avendo deciso di costruire una piccola abitazione, abbiamo effettuato una verifica degli estratti mappa scoprendo che la casa del proprietario del terreno confinante è stata costruita a circa 2,5 metri dal confine. Considerando che la costruzione è stata fatta circa 50 anni fa, e che attualmente il Comune prevede la distanza edificativa di 5 metri dal confine (e, comunque, di 10 metri dalla facciata delle case confinanti), a quale distanza potremmo costruire la nostra casa? Il vicino ci ha detto che non permetterà distanze inferiori a 10 metri e questo ci impedirebbe di costruire alcunché, stante la piccola larghezza del nostro terreno.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?