Contratti a termine: rinnovi con limiti di livello e categoria

LA DOMANDA Il Dl 87/2018 ha stabilito, in via generale, che i contratti a tempo determinato, riferiti a mansioni dello stesso livello della categoria legale di inquadramento, non possono superare, in sommatoria - tra contratti a termine, rinnovi, proroghe e rapporti in somministrazione a tempo determinato - la soglia massima dei 24 mesi. Ma per mansioni di stesso livello e categoria professionale significa che, per un rinnovo di altri 24 mesi, basterebbe aumentare (o anche dimunuire) il livello, pur restando nella stessa categoria professionale? O si necessita anche di cambio categoria professionale? Faccio un esempio: tra primo contratto e proroghe varie un dipendente ha terminato un contratto di 24 mesi come operaio cameriere di 4°livello. Dopo aver fatto passare il termine dello stop&go di 20 giorni, è possibile riassumerlo con un nuovo contratto di 12 mesi, con causale «operaio maitre 3° livello»? O si deve necessariamente modificare anche la qualifica professionale?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?