La Regione può incentivare chi concilia meglio vita-lavoro

LA DOMANDA Un'amministrazione regionale vuole incentivare, nel proprio territorio, la conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita familiare. Può adottare una deliberazione di giunta che invita le stazioni appaltanti del proprio territorio a valutare di assegnare un punteggio aggiuntivo alle offerte di operatori che hanno attivato forme di conciliazione tra tempo di lavoro e tempo di vita familiare? Oppure vìola il codice degli appalti (Dlgs 50/2016), mettendo in atto una distorsione del mercato e una violazione della par condicio?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?