Si può chiedere la revisione della tabella se è sbagliata

LA DOMANDA Circa 10 anni fa ho acquistato un appartamento posto al piano terra di un condominio e assegnatario di 40 millesimi. Ho appreso ora che l'appartamento sopra il mio, che ha la stessa superficie e rendita catastale ma è dotato, in più, di terrazzo, è assegnatario di soli 29 millesimi. Contestualmente ho riscontrato che il mio venditore è rimasto proprietario, nel medesimo condominio, di un magazzino (C/2) di ampia superficie, non censito nell'anagrafe condominiale e pertanto ignorato nei riparti di spese. Ho il fondato sospetto che, in origine, i millesimi attribuiti all'appartamento da me acquistato incorporassero anche quelli del magazzino. L'amministratore, interpellato, sostiene di non poter intervenire, non disponendo di evidenze documentali che provano tale circostanza. Io ritengo che, nel momento in cui viene messo a conoscenza del presunto errore, sia suo preciso dovere porvi rimedio. Come posso ottenere le necessarie rettifiche e recuperare i versamenti in eccedenza?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?