Le perdite su crediti prescritti sono deducibili in altri esercizi

LA DOMANDA Una società, al 31 dicembre 2018, presenta in bilancio crediti sorti negli anni 2006 e 2007 e pertanto ormai prescritti. È possibile imputarli a perdita con conseguente deduzione fiscale nell'anno 2018? Sulla base delle indicazioni del decreto internazionalizzazione (Dlgs 147/2015), sembrerebbe che i crediti prescritti siano cancellabili e deducibili solo nell'anno in cui si verifica la prescrizione decennale e quindi, nel caso in oggetto, nei bilanci chiusi al 31 dicembre 2016 e al 31 dicembre 2017.In tal caso, qual è la rilevazione contabile per la loro eliminazione dal bilancio del 2018? Esistono sentenze/pareri giurisprudenziali che tuttavia ammettono la deducibilità anche oltre l'anno della prescrizione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?