Cambio d'uso per marciapiede ceduto anni prima al Comune

LA DOMANDA Il marciapiede antistante il mio condominio è di proprietà del condominio stesso, ma fu vincolato in perpetuo "ad uso pubblico" dal costruttore, che ottenne in cambio dal Comune la possibilità di edificare un altro piano. Il vincolo, oltre a risultare dai registri immobiliari, è riportato anche in tutti gli atti di acquisto delle singole unità immobiliari. Ora, il condomino proprietario di un locale commerciale adibito a bar vorrebbe usare il marciapiede in questione per metterci dei tavolini. Il Comune sostiene che darà il permesso se ci sarà una delibera condominiale a favore. Ma l'assemblea condominiale può modificare tale destinazione del marciapiede e "superare" quel vincolo? E se sì, con quali maggioranze?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?