Da Snc a ditta individuale: due strade per il recesso

LA DOMANDA Una Snc con due soci svolge l’attività di cartolibreria, e ogni anno incrementa il suo credito Iva senza possibilità di completo utilizzo, stante il solo possibile utilizzo con l’eventuale debito Irap. Si vorrebbe proseguire l’attività nella forma di ditta individuale, in modo tale da poter utilizzare questo credito con tributi personali. Si chiede, quindi, se sia consigliabile procedere con il recesso da parte di uno dei soci, o procedere con l’acquisizione delle quote sociali da parte del socio che continuerà l’attività. Si chiede, inoltre, se il conseguente venir meno della pluralità dei soci, con lo scioglimento della società, non determini “in automatico” la possibilità di poter proseguire l’attività sotto forma di ditta individuale, mantenendo la stessa partita Iva, o se siano necessari altri passaggi procedurali.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?