La riscossione delle spese dai condòmini morosi

LA DOMANDA Abito in un piccolo condominio di quattro unità e possiedo 392 millesimi. Nel corso del 2014 sono stati effettuati lavori condominiali: a causa della morosità di alcuni condòmini, ho anticipato al condominio circa 10mila euro per conto degli stessi. Questo anche per evitare procedure legali nei confronti del condominio da parte dei creditori. Per il recupero dei crediti condominiali, l'amministratore ha fatto emettere un decreto ingiuntivo a settembre 2014 che non è stato ritirato dai condòmini morosi. Quali sono le azioni ulteriori e necessarie che l'amministratore (anche senza autorizzazione dell'assemblea) e il sottoscritto, in qualità di condomino creditore, possono mettere in atto per il recupero dei crediti? Quali sono i tempi di prescrizione? Faccio notare che i condòmini morosi risultano al momento proprietari delle unità che occupano.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?