Modifica delle tabelle: condizioni e maggioranze

LA DOMANDA Abito in un condominio composto da una quindicina di appartamenti. Alcuni condòmini hanno intenzione di chiedere una verifica - con eventuale successiva richiesta di modifica - della tabella millesimale in quanto, a loro parere, la stessa non rappresenta più la situazione attuale delle abitazioni. In particolare, a loro dire, sembrerebbero essere state effettuate alcune modifiche nelle abitazioni da parte di alcuni condòmini (ad esempio, per modifiche della superficie calpestabile a seguito di cessione di stanze da un appartamento all'altro e/o alla fusione di alcuni degli stessi). È previsto un quorum minimo al fine di poter richiedere e deliberare tale decisione in sede assembleare? In quali casi è possibile presentare tale richiesta? Che decorrenza avverrebbe l'eventuale variazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?