Contributi pubblici: non serve indicarli in nota integrativa

LA DOMANDA In riferimento alla nuova disciplina di informativa sulle erogazioni pubbliche, introdotte dal decreto crescita (Dl 34/2019) - che chiede di indicare in nota integrativa «sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria» - è opportuno indicare gli sgravi ottenuti dal lavoro in apprendistato? Oppure questi possono essere considerati "di carattere generale", e quindi la rendicontazione non è dovuta?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?