Coniugi, le limitazioni dei lasciti ai fratelli

LA DOMANDA Mia moglie ed io siamo sposati in regime di comunione dei beni e non abbiamo figli. Mia moglie è straniera, di cittadinanza europea, e alla nostra morte vorremmo lasciare ai nostri rispettivi fratelli i beni immobili ricevuti in eredità dai genitori. Vorremmo sapere se sia possibile redigere un testamento dove, alla morte di uno di noi, il coniuge defunto nomini unico erede il coniuge superstite per l’intera proprietà della casa in cui viviamo e per i nostri beni bancari, ma nomini eredi i propri fratelli per i beni immobiliari ricevuti in eredità. Nel caso poi i fratelli rifiutassero l’eredità, il coniuge superstite sarebbe obbligato ad accettare tali beni o li potrebbe rifiutare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?