Esenti dalle spese di giudizio i dissidenti senza «benefici»

LA DOMANDA Un condomino ha promosso una causa contro un condominio di otto proprietari. Io ho votato contro la delibera per affrontare la causa e poi, con raccomandata, mi sono dichiarato dissenziente.La causa si è conclusa con una sentenza che ha disposto «l'annullamento della delibera in cui si approva il bilancio consuntivo», mentre ha respinto il resto dell'istanza. Sempre secondo la sentenza, le spese processuali (645 euro per le spese, 765 euro per la fase di studio, 840 euro per la fase introduttiva, 1.500 euro per la fase istruttoria, 1.600 euro per la fase decisionale, oltre Iva, Cpa e rimborso delle spese generali come per legge) vanno compensate tra le parti a metà, lasciando integralmente a carico della parte convenuta le sole spese per la consulenza tecnica d'ufficio.Visto che sono dissenziente e che da questa sentenza non traggo alcun beneficio, devo partecipare a queste spese?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?