Tributario

Niente raddoppio per il reato prescritto

di Laura Ambrosi

La denuncia presentata quando il reato è prescritto fa venir meno il raddoppio dei termini di accertamento perché è indice della volontà di eludere in modo capzioso la decadenza del potere di rettifica. In ogni caso, il ridotto risparmio fiscale ottenuto con più comportamenti posti in essere in un arco di vari anni palesa l’assenza di intento elusivo. A precisarlo è la Ctp di Vicenza con la sentenza 722/1/2017. L’Agenzia contestava alcune operazioni come elusive. In particolare, ravvisava un ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?