Tributario

L'avvocato di uno studio associato versa l'Irap se non dimostra l'estraneità

Giampaolo Piagnerelli

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'avvocato che lavora in uno studio associato è tenuto a versare l'Irap. La sola circostanza di operare in team è una presunzione grave, sufficiente e concordante per dimostrare che l'imposta sia dovuta in quanto il professionista finisce per interagire con altri colleghi. Lo precisa la Cassazione con l'ordinanza n. 19962/19. Semmai - si legge nella decisione - se l'avvocato avesse voluto non versare l'imposta era suo onere dimostrare in base a quale criterio fosse esentato. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?