Tributario

I ricorrenti tardivi sono discriminati

di Enrico De Mita

Appaiono in contrasto con i principi costituzionali le norme processuali tributarie, di cui agli articoli 22 e 27 Dlgs 546/92, che sanzionano con l’inammissibilità del ricorso, rilevata e pronunciata d’ufficio, la mancata costituzione in giudizio tempestiva del ricorrente, senza la possibilità di una costituzione tardiva del ricorrente neppure quando si sia costituito in giudizio il resistente. A sollevare la questione è stata la Ctp di Genova con un’ordinanza presidenziale del 1° aprile 2009 (Gazzetta ufficiale n. 24 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?