Civile

Dal licenziamento al divorzio, per il giudice il selfie è decisivo

di Marisa Marraffino

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Finire nei guai per un selfie. Il gesto, apparentemente innocuo, di autoscattarsi una fotografia finisce nelle aule dei tribunali. Sotto le lenti dei giudici le distrazioni al lavoro, i tradimenti e anche i finti matrimoni per ottenere la cittadinanza. L’approccio della giurisprudenza è quello di considerare i selfie come prove che possono entrare nei processi a vario titolo. Il selfie al lavoro Lo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?