LE REGOLE NON CONTRATTUALI E L'USO DELLA PARTE COMUNE

LA DOMANDA Nello stabile in cui risiedo il piano terra è occupato da negozi e attività commerciali. Il regolamento condominiale (non contrattuale) stabilisce che per quanto riguarda l’apposizione di targhe e insegne questa «è sempre subordinata al benestare dell’amministrazione, cui dovrà essere inoltrata richiesta scritta corredata dei relativi disegni, ed è soggetta alla corresponsione di un canone precario annuo da determinarsi dall’amministrazione». Posto che tutte le insegne dei negozi e delle attività commerciali sono ancorate ai muri perimetrali dell’edificio, nessun ha mai chiesto alcuna autorizzazione e tantomeno è d’accordo nella corresponsione di un canone (salvo casi in cui è stato offerto un importo figurativo, come 10 euro all'anno). In tale situazione, l’amministratore cosa può fare per far rispettare il regolamento di condominio? Potrebbe far rimuovere coattivamente l’insegna del condomino che non ha rispettato il regolamento e non ha concordato il canone?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?