IRREGOLARITÀ DENUNCIABILI CON UN DECIMO DEL CAPITALE

LA DOMANDA A causa di una presunta "mala gestio" dell'amministratore unico e in carica - nonché socio egli stesso della Srl e spalleggiato da alcuni soci (con i quali costituisce il 50,85% del capitale sociale) - io ed altri soci (49,15% del capitale sociale) abbiamo chiesto, per le vie brevi, le sue dimissioni. Richiesta respinta. In forza del fatto che egli rappresenta la maggioranza della società, l'amministratore ha poi letteralmente escluso tutti gli altri dalla vita societaria. Ora convocherò un'assemblea per chiedere la sua revoca, ma non ho certezza se possa convocarla io, se l'amministratore possa essere revocato anche in assenza sua e degli altri soci, e se il quorum del 49,15% sia sufficiente. Lo statuto societario non prevede nulla in merito.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?