CONVOCAZIONE VIA PEC SOLO A INDIRIZZI CERTIFICATI

LA DOMANDA Ho alcune curiosità sulla specifica del Codice civile che autorizza la convocazione dell'assemblea condominiale via mail. L'amministratore procede a inviare la convocazione tramite posta certificata al destinatario, previa autorizzazione da parte del condomino che possiede solo una casella di posta ordinaria. Una volta che il mittente ha inviato la mail, il "server" certificatore lo avvisa che la mail è stata spedita: tale avviso costituisce onere onere di prova, pertanto l'e-mail dovrebbe avere lo stesso valore di una raccomandata. Nel caso, tuttavia, l'indirizzo mail del destinatario fosse sbagliato, il mittente riceve un messaggio "certificato" che segnala l'errore. Diversamente, l'invio di una comunicazione da una casella di posta certificata a un'altra Pec sarebbe parificato a una raccomandata con ricevuta di ritorno. È corretto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?