L'IMPIANTO DI SORVEGLIANZA RICHIEDE LA DELIBERA

LA DOMANDA Possiedo tre immobili in un condominio, identificato da due numeri civici differenti: 7 e 7A. Solo per uno dei due civici, il 7, è stato deliberato e installato un impianto di videosorveglianza. Nell'esecuzione dei lavori, mi sono accorto che, contemporaneamente e senza delibera, è stato installato un secondo impianto di videosorveglianza al civico 7A. Ho immediatamente e più volte contestato l'opera, arrivando a chiederne la rimozione. Nell'ultima assemblea, nelle «varie ed eventuali», i condomini presenti hanno ratificato il lavoro già fatto al civico 7A. Solo successivamente è emerso che il monitor che registra le inquadrature per i due civici è uno solo ed è collocato nella portineria del 7A. In questo modo, la custode del 7A guarda tutto il transito del civico numero 7. È corretto? Mi sembra irregolare, sia formalmente (il lavoro fatto è privo di delibera) che sostanzialmente, a causa della violazione della privacy.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?