IL «PATTO SPECIALE» ESTENDE A TUTTI IL NO ALLA RECINZIONE

LA DOMANDA Sono da poco proprietario di un appartamento in un condominio di 24 unità. Nell'atto stipulato dal notaio per l'acquisto del mio immobile - ma anche in quello di tutti gli altri - è stata inserita una clausola che riguarda l'utilizzo esclusivo dei giardini che prevede che debbano essere utilizzati come semplice giardino, senza chiusure con cancelli né installazioni di manufatti né altri ingombri. Quindi ognuno di noi condòmini avrebbe un pezzo di giardino ad uso esclusivo con vincolo contrattuale.L'amministratore del condominio ha consentito ai proprietari degli appartamenti siti nella parte retrostante dell'edificio la chiusura dei giardini con cancelli e l'installazione di manufatti, ma non lascia fare la stessa cosa a me perché il mio appartamento è sito nella parte frontale dello stabile, e quindi deturperei la facciata. Visto che i diritti e doveri sono uguali per tutti come posso tutelarmi nei confronti dell'amministratore? Per ora gli ho scritto di far ripristinare lo stato di origine come previsto dai contratti. È penalmente responsabile? Posso farlo decadere in tribunale?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?