Stabilimento balneare, serve l'autorizzazione per ampliarlo

LA DOMANDA Nel 2002 abbiamo chiesto un'autorizzazione paesaggistica, legittimamente rilasciata dall'amministrazione provinciale, per ottenere una concessione edilizia per la costruzione di uno stabilimento balneare, che abbiamo realizzato entro i termini di validità della citata concessione. Lo stabilimento viene smontato alla fine di ogni stagione e rimontato prima dell'inizio della stagione successiva, senza che, ad oggi, ci sia stata alcuna variazione nei materiali o nella tipologia di struttura. Abbiamo intenzione di proporre un progetto di modifiche e ampliamento dello stabilimento, ma il dirigente provinciale all'ambiente ci ha detto che l'autorizzazione paesaggistica è scaduta nel 2007, dopo cinque anni dall'emissione, e deve essere presentata una nuova richiesta. Tale parere sarebbe motivato dal fatto che si tratta di una struttura stagionale. A nostro avviso, invece, la norma pertinente stabilisce che la durata dell'autorizzazione paesaggistica è di 5 anni per l'esecuzione dei lavori, ma la sua efficacia è permanente. Potete aiutarmi a districare la questione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?