Nulla la delibera che obbliga a rifare il balcone di proprietà

LA DOMANDA Vivo in un condominio composto da 13 unità. In assemblea ordinaria è stato approvato, con una maggioranza di dieci condòmini per un totale di 814 millesimi (e due assenti, per 118 millesimi), il rifacimento dei balconi aggettanti nella loro interezza: dai frontalini alla pavimentazione, fino alle ringhiere. La motivazione è che, nonostante sette anni fa, in occasione del rifacimento della facciata, siano stati reintonacati, a causa di infiltrazioni più o meno diffuse l'intonaco non "tiene" alla perfezione, in modo particolare nel caso di tre balconi che sono stati definiti, secondo me in modo eccessivo, "pericolanti". L'amministratore mi ha detto che sono obbligata a partecipare alle spese e, per questioni di estetica, sono obbligata a rifare i frontalini e probabilmente anche la pavimentazione del mio balcone per uniformarmi agli altri, nonostante non abbia grosse problematiche. La spesa ammonta a 1.400 euro. È legittimo?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?