Cavi spostati durante i lavori: spese ripartite tra tutti

LA DOMANDA Sono proprietario di un appartamento in un condominio asservito, per quanto riguarda la corrente, da un cavo Enel che partiva dal pianerottolo comune per arrivare all'abitazione. Per la ristrutturazione del fabbricato si è approvato, con verbale d'assemblea, che questi cavi, inizialmente fissati sulla parete del pianerottolo, dovevano essere messi sotto traccia per sette appartamenti su 40. All'epoca la ditta ha effettuato i lavori in base al computo metrico e ha staccato i cavi Enel (senza l'autorizzazione dell'azienda) dalle pareti, lasciandoli a penzoloni. Oggi, dopo anni, è stato chiesto - dall'amministratore e dai condòmini - ai sette che presentano questa situazione di provvedere a far rimettere i cavi a norma a proprie spese, visro che asservono i singoli appartamenti. In base al computo metrico le spese devono essere ripartite su tutto il condominio visto che tale situazione è stata creata dall'espressa volontà condominiale. Chi deve pagare, dunque?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?