Ok al condotto migliorativo se non limita l'uso degli altri

LA DOMANDA Abito al quarto di cinque piani di un palazzo con due scale separate e un terrazzo scoperto comune, al sesto piano. Vorrei mettere un condizionatore usando, per il passaggio dei tubi, la condotta che, dalla cappa della mia cucina, sfocia in un camino comune alla sola colonna. Dentro al camino convergono separati tubi di sfiato di fognature condominiali. Il tecnico da me consultato dice che si può fare, sostituendo la mia cappa con una filtrante, senza occupare i tubi di sfiato. Un condomino, il cui appartamento si trova al quinto piano dell’altra scala, l’anno scorso aveva avuto l’ok verbale dall’amministratore per uso analogo. A me invece l'amministratore oppone la condizione di accertare, tramite tecnico di sua fiducia, se i condomini della mia colonna possano, in futuro, immettersi nel condotto. Come posso oppormi alla diversità di trattamento nei miei confronti? Ai fini del potenziale pari uso dei miei “condomini di colonna”, basta un loro assenso scritto e/o una liberatoria al mio utilizzo o è l’assemblea di scala a dover decidere?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?