Amministrativo

Stop all’accesso civico per “chiedere venia”

di Pietro Alessio Palumbo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Sebbene la legge non chieda all'interessato di motivare formalmente l'istanza di accesso generalizzato, la richiesta va rigettata quando non risulta in modo chiaro e inequivoco la sua rispondenza al soddisfacimento di un interesse di valenza pubblica. E si badi, è estranea al perimetro della fattispecie dell'accesso civico generalizzato, la strumentalità anche solo concorrente a un bisogno conoscitivo privato. Ma non è tutto. A ben vedere rientra tra i bisogni conoscitivi individuali, come tali non rivolti a promuovere la partecipazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?