Civile

Banche: con la ripetizione di riscossioni indebite ricade sul correntista la prova

Giampaolo Piagnerelli

Il correntista che intenda procedere alla ripetizione delle somme indebitamente riscosse dalla banca nel corso del rapporto ha il preciso dovere di dimostrare la fondatezza della pretesa azionata. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza n. 28945/2017. La Corte ha puntualizzato che nel caso di ripetizione di indebito oggettivo l'onere della prova grava sul creditore istante, che è tenuto a provare i fatti costitutivi della pretesa, e quindi l'avvenuto pagamento, sia la mancanza di una causa che lo giustifichi. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?