Civile

Cassa forense, revisione senza limiti se l'avvocato non comunica correttamente

Francesco Machina Grifeo

Se l'avvocato non ha adempiuto agli obblighi di comunicazione prescritti dalla legge, la Cassa di previdenza forense è libera di scandagliare indietro nel tempo la continuità dell'esercizio della professione senza dover rispettare il limite massimo di cinque anni. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 30714 del 2017, respingendo il ricorso di un legale. Il Tribunale del lavoro di Roma aveva accolto la richiesta di un avvocato capitolino di computare ai fini della pensione di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?