Civile

Occupazione abusiva di immobile, il danno non è in re ipsa

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

In caso di occupazione abusiva di immobile, il proprietario del bene che agisce per il risarcimento del danno deve provare che l'illecita occupazione ha inciso direttamente o indirettamente sul godimento del bene, precludendogli di svolgere un'attività o di trarne utilità locandolo o cedendolo a terzi. Il danno da occupazione abusiva, infatti, non coincide con l'evento occupazione, ma è un danno-conseguenza che, in quanto tale, deve essere provato, anche ricorrendo a presunzioni gravi, precise e concordanti. A ribadire tale regola ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?