Civile

Diagnosi fuori tempo, risarcire lesione autodeterminazione su ‘scelte ultime'

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

«L'ordinamento giuridico non è affatto indifferente all'esigenza dell'essere umano di "entrare nella morte ad occhi aperti"». Con una citazione dalle "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar («una delle voci più alte della letteratura del ‘900»), la Terza Sezione civile dellaCassazione, sentenza n. 10424 di oggi, ha affermato che la mancata diagnosi in tempo di una malattia mortale priva il paziente del diritto ad operare le sue "scelte ultime", col conseguente diritto di ottenere il risarcimento del danno consistente nella ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?