Civile

Università, la retribuzione di posizione è discrezionale e il giudice non può fissarla nel merito

di Paola Rossi

Il datore di lavoro pubblico ha piena discrezionalità nel fissare i criteri per l'attribuzione dei punti che determinano la retribuzione di posizione e di risultato. E ha la stessa discrezionalità quando effettua la valutazione in un caso concreto. Il giudice, infatti, può essere chiamato solo a verificare che nel riconoscimento delle maggiorazioni retributive l'amministrazione si sia attenuta ai criteri che si è autoimposti, cioè - come afferma la Corte di cassazione con ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?