Penale

Truffa, l'età senile della vittima è sempre da considerare come aggravante

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Nelle ipotesi di truffa in casa ai danni di anziani, l'età senile delle vittime è sempre indicativa della condizione di minorata difesa delle stesse. La circostanza aggravante prevista dall'articolo 61 n. 5 del Cprichiede, infatti, ai fini della sua configurabilità, che vi sia una particolare vulnerabilità delle persone, della quale il reo possa trarre consapevolmente vantaggio. Ad affermarlo è la Corte d'appello di Trento con la sentenza 108/2017. I fatti - Protagonista della vicenda è un uomo, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?