Penale

Maltrattamenti in famiglia, no all'aggravante se il figlio non era capace di comprendere

Francesco Machina Grifeo

Nel reato di maltrattamenti in famiglia l'aggravante per la presenza di minori può essere contestata sempreché sia dimostrata la maggiore potenzialità offensiva della condotta e dunque la sua percepibilità da parte delle vittime. Con questa motivazione la Cassazione, sentenza 53823del 29 novembre 2017, ha accolto il ricorso di un padre che aveva contestato l'impossibilità per il figlio di un anno di comprendere la molestia nei confronti della madre, tanto più che si trattava di un insulto verbale. Per la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?