Penale

Buoni fruttiferi postali equiparabili a scritture private

Francesco Machina Grifeo

La contraffazione di buoni fruttiferi postali non integra il falso in atto pubblico in quanto essi sono qualificabili come scritture private emesse da una società per azioni, privatizzata, che nello svolgimento dell'attività bancaria non si differenzia in alcun modo dagli altri istituti di credito. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza n. 20437 del 9 maggio 2018, che dopo aver riqualificato la condotta in “falsità in scrittura privata”, ha preso atto della depenalizzazione della condotta, avvenuta nel 2006, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?