Penale

Mafia, la collaborazione non è sufficiente per i domiciliari

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La “collaborazione” con la giustizia di Giovanni Brusca - che sta scontando una condanna a 30 anni per associazione mafiosa e plurimi omicidi (fine pena nell'agosto del 2022) - non è sufficiente, in assenza di passi concreti nei confronti delle vittime, a far scattare i domiciliari. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 35217del 24 luglio 2018, respingendo la richiesta del boss mafioso e confermano l'ordinanza con cui il Tribunale di Sorveglianza di Roma, il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?