Penale

Rischio bancarotta fraudolenta per marketing politico su singoli candidati dopo Porcellum

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Sì al reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale se, in seguito al fallimento della società, viene fuori che l'investimento fatto in anni precedenti era privo di alcuna giustificazione o ragionevolezza imprenditoriale. Per la Cassazione, sentenza 47503/2018, deve considerarsi tale il versamento di 100mila euro da parte dell'amministratore di una Srl, che all'epoca già navigava in cattive acque, nei confronti di una società di marketing politico (Politikè) specializzata nella «pubblicità di singoli candidati», dal momento che il Parlamento aveva già approvato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?