Penale

Bancarotta, nei gruppi compensazione da provare

di Patrizia Maciocchi

Per escludere la natura distrattiva di un’operazione infragruppo, l’amministratore deve provare l’evidente vantaggio compensativo conseguito dalla singola società che è stata impoverita. La Corte di cassazione, con la sentenza 20494 depositata ieri, sgombra il campo dall’equivoco che la semplice appartenenza di una società ad un gruppo renda plausibile l’esistenza dei cosiddetti benefici compensativi. E quindi spetti alla compagine che ha agito contro il suo manager l’onere di dimostrarne l’esistenza. La società che agisce in giudizio può, invece, limitarsi ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?