Penale

Confisca, la banca mutuante in buona fede conserva il privilegio sulla vendita

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La confisca di un immobile gravato da un mutuo fondiario (per 200mila euro, con ipoteca per 422mila), a seguito della commissione di reati tributari da parte del mutuatario (sentenza patteggiata), non pregiudica il credito della banca che abbia agito in «buona fede» e con «affidamento incolpevole». Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 38608 di ieri, accogliendo (con rinvio) il ricorso di Italfondiario, quale cessionario di Intesa Sanpaolo, contro l'ordinanza del Gip che invece gli ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?