Penale

Ergastolo ostativo: no ai benefici anche se l'aggravante del metodo mafioso non è formalmente contestata

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il no ai benefici penitenziari, con la condanna all'ergastolo ostativo, scatta anche quando l'aggravante del metodo mafioso per agevolare il clan non è stata formalmente contestata, ma verificata come sussistente dal Tribunale di sorveglianza, attraverso l'esame del contenuto della sentenza di condanna. Pesa, infatti, la qualificazione sostanziale dei delitti giudicati. La Corte di cassazione, con la sentenza 41235, respinge il ricorso contro la decisione del tribunale di sorveglianza di negare, una volta accertata la collaborazione impossibile, la concessione della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?