Penale

La disponibilità a fare favori al mafioso fa scattare il voto di scambio politico-elettorale

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Anche la semplice disponibilità a fare favori all'esponente della cosca locale, fa scattare il reato di voto di scambio, a carico del politico. Non è, infatti necessario che la promessa spesa per raccogliere consensi elettorali si mantenga in tutti i casi, né che le condotte del candidato si traducano in un rafforzamento della consorteria. Elemento quest'ultimo che serve solo per contestare il diverso reato di partecipazione o concorso esterno all'associazione mafiosa. Non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?