Non serve autorizzazione per il condizionatore sul tetto

LA DOMANDA Abito all’ultimo piano di una palazzina di sei unità abitative, senza amministratore e senza codice fiscale. Nell'appartamento intendo installare un condizionatore con il motore sul tetto, parte comune dell’edificio. Il Comune ove risiedo chiede l’unanimità dei consensi per permettermi di iniziare i lavori e aprire una Scia (a differenza di altri cinque comuni limitrofi, i quali mi hanno comunicato di non richiedere alcuna firma e di presentare soltanto una comunicazione scritta sull’inizio dei lavori). Nel regolamento urbanistico comunale e provinciale l’installazione dell’apparecchio rientra tra gli interventi liberi, soggetti a comunicazione scritta. L’esposizione dell’apparecchio sul tetto non è visibile agli edifici vicini. L’intervento necessita di unanimità, maggioranza o nessuna firma degli altri condòmini in relazione all’articolo 1102 del Codice civile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?