I soci della Srl possono assumere moglie e fratello

LA DOMANDA In riferimento alla circolare Inps 179/1989, una Srl con due amministratori (ciascuno con una quota del 50%) vorrebbe assumere due dipendenti: il fratello di un socio e la moglie dell'altro. Essendoci un vincolo di parentela, possono essere assunti come lavoratori dipendenti? La circolare Inps citata dice che se la Srl ha solo due soci« entrambi parenti conviventi o se il parente convivente del lavoratore sia titolare di tutti i poteri sociali o abbia la maggioranza delle azioni o delle quote sociali, il rapporto, ancorché intercorso con la società, non è convalidabile». Io credo che il rapporto sia convalidabile, fermo restando che l'onere della prova spetta all'azienda mediante il pagamento delle ritenute, contributi, e busta paga con bonifico bancario, e vi sia un reale vincolo di subordinazione. È corretto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?