Tributario

La risposta all’interpello non ha valore per tutti

di Laura Ambrosi

Non esiste nel nostro ordinamento un generico principio di affidamento. L’interpello infatti interessa esclusivamente il singolo contribuente che ha formulato l’istanza e questioni specifiche. Ne consegue che è legittima la censura ad una società che si sia uniformata ad una risposta di una Direzione regionale, su un caso analogo, ma richiesta da altro contribuente. A fornire questo principio è la Corte di cassazione, con l’ordinanza 9719 depositata ieri. Ad una società venivano mosse, tra l’altro, contestazioni sull’indebita utilizzazione del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?