Tributario

Sulla ricognizione di debito si paga l’imposta fissa

di Rosanna Acierno

L’atto di ricognizione del debito sconta sempre l’imposta di registro nella misura fissa di 200 euro. Avendo, infatti, natura «puramente dichiarativa» che non modifica la sfera patrimoniale del debitore che lo sottoscrive, la promessa di pagare il debito contenuta in tale atto non può essere assoggettata a imposta di registro proporzionale nella misura del 3%, così come generalmente sostenuto dagli uffici delle Entrate. Sono queste le principali conclusioni cui è giunta la Ctp di Bari ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?