Tributario

Contraddittorio, vanno fatte valere «ragioni diverse»

di Antonino Porracciolo

L’avviso di accertamento relativo a tributi armonizzati, emesso prima del decorso del termine di legge per la comunicazione di osservazioni e richieste, è nullo solo se il contribuente indica, in sede di impugnazione davanti al giudice tributario, i motivi che avrebbe potuto far valere nella fase amministrativa. In ogni caso, si deve trattare di ragioni non pretestuose, e comunque diverse da quelle già esaminate dall’atto in contestazione. È quanto emerge dalla sentenza 49/11/2019 della Ctr Emilia Romagna(presidente Mainini, relatore ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?