Professione

Sui conflitti causati dall’emergenza la voglia di far pace mette all’angolo il processo

di Elena Pasquini

Non esiste l’opzione “giusta” in assoluto tra negoziazione, mediazione o contenzioso, soprattutto oggi dove l’emergenza sanitaria pone interrogativi su iter e risultati anche rispetto alle prassi più consolidate. La strada migliore è frutto di un’attenta analisi degli interessi in gioco, del quadro normativo e del possibile mutato approccio di parti e decisori nel vagliare le controversie. L’eccezionalità del momento porterà, oltre all’aumento del numero di conflitti, nuove questioni tecniche in campo giuridico e un necessario ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?